Castello del Buonconsiglio di Trento

Castello del Buonconsiglio di Trento

Il Castello del Buonconsiglio, antica residenza dei vescovi di Trento, ha origini molto antiche in quanto iniziò ad essere costruito nel 1100. Concluso completamente tre secoli più tardi, arriva ai giorni nostri in ottimo stato di conservazione e con i tre nuclei originari ancora ben visibili: Castelvecchio in stile medievale (romanico-gotico), caratterizzato da una grande torre cilindrica; il magno Palazzo, che riflette nell’architettura le influenze rinascimentali; la Giunta Albertina costruita in un tempo successivo. Il castello rappresentò sempre il cuore della città. Nel XVI secolo, all’epoca del Concilio di Trento, vi si organizzavano banchetti che riunivano i più celebri personaggi europei del periodo. Molti ricordano questa fortezza anche per le esecuzioni capitali di Cesare Battisti, Damiano Chiesa e Fabio Filzi nel 1916 da parte degli Austriaci. Internamente il castello è ricco di affreschi di pregio, opera del Parmigianino, del Fogolino e del Dossi e oggi ospita il Museo Provinciale d’Arte e il Museo del Risorgimento.

I FANTASMI DEL CASTELLO DI TRENTO

      A Trento vi sorge un bel castello, chiamato “del Buonconsiglio”. Edificato tra il 1239 e il 1255, anch’esso non è da meno per quanto riguarda le storie di fantasmi. Infatti si racconta che in certe notti si sentano ancora i lamenti delle molte persone che morirono tra le sue mura.