Riproponiamo un servizio di Nurse24.it pubblicato qualche mese fa e ancora attuale inerente a presunte strane presenze in corsia. C’è chi li chiama “presenze soprannaturali”, chi semplicemente “fantasmi…” probabilmente penserete che questo articolo voglia concentrarsi sul tema dell’assenteismo di molti sanitari della pubblica amministrazione, spesso condannati e motivo di dibattito.. in realtà racconteremo alcuni dei tanti strani fenomeni paranormali che in questi anni, hanno coinvolto diverse strutture sanitarie.

Proprio su questi esseri paranormali da anni leggiamo storie e leggende di ogni genere e a destare maggiormente la curiosità degli infermieri, sono le storie di entità soprannaturali che sembrerebbero aggirarsi tra le corsie dei reparti ospedalieri.

Fantasmi, apparizioni, spettri… sono tante le definizioni comunemente utilizzate per definire  questi strani fenomeni che in alcuni luoghi, o attorno ad alcune persone, si manifestano lasciando nei testimoni inquietudini a cui non è facile dare risposta.

Ma i fantasmi esistono davvero? Difficile a dirsi, sicuramente a  questi fenomeni c’è chi ci crede e chi no…

Possiamo però affermare con certezza che si cominciò a parlare della caccia ai fantasmi, nel XIX secolo. Il termine fantasma dal greco antico  φάντασμα phàntasma, a sua volta da φαντάζω (phantàzo, “mostrare”; dalla radice φαν-, che esprime l’idea dell’”apparire” e del “mostrare”), aveva il significato di apparizione (intesa come manifestazione soprannaturale) e solo con il tempo il suo significato si è ristretto a indicare l’apparizione di un defunto. Il fantasma è una figura ricorrente nella tradizione popolare e letteraria praticamente di tutte le civiltà. Nella tradizione orientale e in quella greca e romana l’apparizione dei fantasmi non è associata al sentimento della paura.

fantasma3dnurse24

Presunto fantasma in corsia.

E’ comunque possibile notare delle differenze esistenti tra la definizione di  “fantasma”, “spirito” e  “spettro”, che per quanto diverse,  vengono spesso usati come sinonimi.

Fantasma: si intende l’anima di una persona consapevole di essere tale che rimane in un luogo o con una persona. E’ la manifestazione di energie residue di fatti storici  o vicende familiari particolarmente forti, come morti violente, lutti non elaborati ecc, che si ripresenta in determinati luoghi. Sarebbero fantasmi quelle apparizioni che ripropongono ai malcapitati spettatori alcune scene avvenute in passato. Lord Halifax nei suoi scritti, riporta varie testimonianze di persone che, per esempio, si sono ritrovate nel  mezzo di liti furiose fra esseri impalpabili, così come nei cortili di alcuni castelli si possono sentire rumori inspiegabili, come il rumore di zoccoli di cavalli, clangore di spade o pianti. Non si tratterebbe, dunque, di anime intrappolate, ma dell’energia rimasta, una sorta di impronta della storia che rimane legata e si ripresenta a persone particolarmente sensibili.

– Spirito: termine generico che definisce tutti i tipi di manifestazione legati a un piano diverso dal nostro. Se intendiamo l’energia interna a qualsiasi corpo, allora pietre, piante, animali  hanno uno spirito, come dicevano i primi animisti.

– Spettro: Quelli che sono di solito percepiti come spettri sono gusci, ossia creature del piano astrale che prendono la forma di energia che trovano nell’ambiente o nella persona. Diciamo che di solito quelli che vengono percepiti durante le sedute o le evocazioni di persone inesperte sono gusci.

Cosa dice la Bibbia a proposito dei fantasmi, esistono davvero?

Se ci si riferisce ad “esseri spirituali”, la risposta è sì. Se invece ci si riferisce allo spirito di un defunto, la risposta è no. La Bibbia rende molto chiaro che esistono esseri spirituali buoni e cattivi.

Ma la Bibbia nega che possano esistere spiriti di defunti che perseguitano i viventi.
In Ebrei 9:27 vi è scritto: “ E’ stabilito che l’uomo muoia una sola volta, dopo di che viene il giudizio”. E’ questo ciò che accade all’anima di un morto: il giudizio. Dopo il giudizio può esserci: il paradiso, per il credente, (2 Corinzi 5:6-8, Filippesi 1:23), o l’inferno per colui che non ha creduto, (Matteo 25:46; Luca 16:22-24). Non vi è una via di mezzo. Non si può rimanere sulla terra, dopo la morte, sotto forma di spirito.

Sempre più frequenti le testimonianze di chi sostiene di aver visto presenze inquietanti tra le corsie degli ospedali.

Tra coloro che hanno parlato della propria esperienza ricordiamo Andrew Milburn, giovane dipendente dell’ospedale di Leeds, in Gran Bretagna, il quale ha scattato una foto che ha fatto il giro del Web lo scorso Giugno 2015. Quello che ha scoperto dopo aver visto bene la foto lo ha portato a condividerla su tutti i social network, da Facebook a Snapchat.

fantasma-all-ospedalenurse24

Foto di un sospetto fantasma in corsia.

Zoomando la foto, si nota quello che sembra il fantasma di una bambina che indossa un vestito e che sembra muoversi verso una stanza dove ora si trova il centralino del nosocomio. Poco più in là, però, c’è il reparto pediatria. Andrew, dopo aver diffuso la foto, ha giurato sulla sua autenticità dichiarando che: «Molti, perfino dagli Stati Uniti, sostengono che si tratti davvero di un fantasma. A volte, quando di notte non c’è quasi nessuno, chi è di turno o di guardia sente il rumore di alcuni passi sul pavimento. Molti qui dentro sono terrorizzati ora».

Tra gli altri ospedali protagonisti e sede di eventi soprannaturali vi fu anche la villa di S. Cerbone  a Figline Valdarno e che oggi è l’ospedale Serristori. Appena si entra dal portone principale una lapide commemora la duchessa Veronica Cybo che, proprio qui, quella che fu una delle sue ville, cercò pace per il suo spirito. Oggi c’è chi afferma che il fantasma ci sia ancora e pazienti e personale dell’ospedale, lo hanno più volte avvertito. Il fantasma di Veronica sembra manifestarsi più volentieri nei mesi estivi e subito dopo Natale nell’ala dell’ospedale dove si trovano gli uffici amministrativi.

Tra gli ospedali italiani che hanno destato particolare curiosità, ricordiamo anche quanto raccontato nel 2009 dal personale sanitario della chirurgia dell’ospedale  Cosma e Damiano di Pescia. Lo spettro avrebbe le sembianze di una donna bionda vestita di bianco che a quanto pare si aggirerebbe tra le stanze del reparto. La testimonianza di un paziente afferma “che si sarebbe trovato faccia a faccia con lo spirito, che si è anche preoccupato di chiedergli come stava.

Un’immagine scomparsa dopo che l’uomo si è voltato per chiamare le infermiere”.
Sono varie le storie che girano intorno a questo fantasma. C’è chi dice che si tratta dello spirito di una paziente inglese, morta in ospedale dopo diverse operazioni fra cui l’amputazione delle gambe. C’è poi chi racconta di chiamate alle infermiere dal campanello di una stanza in cui non vi è alcun paziente.

Altra storia affascinante che appassiona gli amanti del paranormale è quanto narrato in provincia di Ferrara. Si tratta di una fatiscente frazione in cui risiede l’ospedale psichiatrico per bambini di Aguscello. Il protagonista di questa storia è Filippo Erni.
Questi era un bambino ospite del sanatorio, che affetto da gravi disturbi psichici avrebbe ucciso alcuni suoi compagni e per tale motivo sarebbe stato isolato in una stanza al piano più alto dell’edificio. Ma il bambino non sopportando la prigionia avrebbe trovato la disperata fuga gettandosi dalla finestra, ponendo fine in tal modo il suo internamento.
Si narra che sia lui il bambino biondo, di circa 12 anni di età, avvistato da diversi testimoni, che si aggira ancora adesso con piccoli e frettolosi passi per le stanze ed i cortili desolati dell’ospedale. Nulla si sa sulla misteriosa e improvvisa chiusura della clinica psichiatrica.

 

Fonte: http://www.nurse24.it/fantasmi-tra-le-corsie-degli-ospedali-infermieri-e-pazienti-raccontano-la-loro-esperienza/