Il castello di Caccamo

Il castello di Caccamo

 

 

 

 

 

 

 

 

Il fantasma del castello di Caccamo (PA).

Il Castello di Caccamo nei tempi passati ha ospitato una brillante vita di corte. Pare però che il castello è stato anche teatro di una tragedia: Matteo Bonello che era il proprietario del castello, fu ingannato dalle false promesse politiche di Guglielmo I detto il “Malo“. Una volta uscito dal maniero venne catturato e lasciato morire in una prigione sotterranea dopo che gli erano stati recisi i tendini e cavati gli occhi.
Proprio per questo motivo si mormora che il suo fantasma vaghi ancora tra le sale del castello. Chi lo avrebbe visto lo descrive come non molto alto di statura con addosso una giacca di cuoio e pantaloni aderenti. Si muove con andatura lenta; mentre i “fortunati” che affermano di averlo incrociato descrivono che nel suo volto sono presenti due profonde occhiaie vuote dalle quali si sprigiona tutto il suo odio e la ricerca di vendetta.

Qualche anno fa invece, una persona avrebbe affermato di averlo visto mentre passeggiava nel corridoio del castello e che si trascinava pesantemente sul pavimento e che borbottava delle frasi con un tono minaccioso. Per gli esperti le parole pronunciate dal fantasma sarebbero i nomi di quanti lo tradirono e lo torturarono: proprio per questo motivo quell’odio che si trascina dentro gli impedisce di trovare la pace eterna e quindi “lui” continua a vagare inquieto nel maniero

Il castello di Caccamo a Palermo è tra i castelli in Italia con più avvistamenti di fantasmi. Infatti si racconta che per chiunque lo visiti non è difficile imbattersi nel vecchio signore che lo governava, vestito di indumenti di cuoio e con le orbite degli occhi vuoti ancora in cerca di vendetta, in quanto gettato ancora vivo nelle segrete del castello dopo una congiura nei suoi confronti.

Fonte: www.guidasicilia.it.